Legambiente

Il progetto per la valorizzazione del sistema dunale della Toscana

Tutela ambientale e turismo sostenibile: nasce il progetto per il consolidamento e la valorizzazione del sistema dunale della Toscana.

Legambiente e il Gruppo Unipol presentano “I guardiani della duna”, progetto realizzato a Marina di Alberese (Grosseto) nell’ambito della campagna Bellezza Italia: tra le attività previste la mappatura delle coste e la creazione di percorsi informativi e didattici.

Cinquanta studenti impegnati per il monitoraggio della beach litter e la pulizia della spiaggia di Collelungo nel Parco della Maremma, per riscoprire e valorizzare il sistema dunale costiero della Toscana. Con un duplice obiettivo: difendere uno degli ecosistemi più vulnerabili e minacciati del nostro Paese, che svolge un ruolo strategico per la mitigazione del rischio di erosione e la riduzione degli effetti dei cambiamenti climatici, e promuovere uno sviluppo turistico attento e rispettoso delle risorse naturali del territorio.

È questo in sintesi lo scopo del progetto "I Guardiani della duna", il nuovo intervento della campagna Bellezza Italia – promossa dal Gruppo Unipol e Legambiente - presentato presso la sede del Parco Regionale della Maremma ad Alberese (Grosseto) da Maria Luisa Parmigiani, responsabile sostenibilità del Gruppo Unipol e da Stefano Ciafani, presidente di Legambiente. All’incontro erano presenti, inoltre, Luca Agresti, vicesindaco Comune di Grosseto; Lucia Venturi, presidente dell’Ente Parco Regionale della Maremma e Lorenzo Moncini del Centro Ricerche CRISBA-ISIS “Leopoldo II di Lorena”.

“Il progetto delle Dune è un ottimo esempio di sinergia tra pubblico e privato, nonché la sintesi del nostro impegno nel contribuire ad affrontare una problematica cruciale come il cambiamento climatico attraverso delle azioni concrete, tangibili, volte a creare valore condiviso e sviluppate insieme a stakeholder locali" dichiara Maria Luisa Parmigiani di Unipol. "Il territorio toscano, inoltre, è per noi un’area importante da valorizzare nelle diverse dimensioni del Gruppo”.

Il 16 novembre, infine, a chiusura del progetto, viene presentato lo studio finale.
Scopri di più e leggi gli allegati.